La mia prossima Maratona

01 aprile 2009

La Maratona di Treviso 2009: sotto l'acqua ma anche sotto le 4 ore !


Come sempre mi succede dopo aver partecipato ad una corsa importante, ho bisogno di un paio di giorni per raccogliere le idee da riportare nel racconto della giornata.
Oggi è il momento di scrivere di come è andata domenica.......
Come avevo scritto negli ultimi post, a Treviso avrei dovuto fare solamente un lunghissimo da 35-36 Km a RG+10" (come previsto nella tabella di Gian Carlo). In effetti ero intenzionato a ritirarmi solamente se al 35° non fosse stato realisticamente possibile stare sotto le 4 ore cioè il mio obbiettivo per la Maratona di Trieste. Ma così non è andata.....

Partenza da casa alla volta di Vittorio Veneto alle 6:03 sotto il diluvio. Sono ovviamente accompagnato da Helga che già da sabato sera (ma forse anche da prima) sta subendo la mia schizofrenia podistica.
Non c'è nessuna speranza che oggi smetta, le previsioni parlano chiaro e questo alimenta la possibilità del ritiro programmato anche se sotto sotto so che correre con la pioggia mi piace.....però per 4 ore non l'ho mai fatto.
L'arrivo a Vittorio e la ricerca di un parcheggio mi fa alzare la tensione. Mi cambio in macchina come un contorsionista per evitare il più possibile di bagnarmi. Primo pit-stop.......
Decido di non mettermi la fascia cardiaca (perchè ho deciso così !), canottiera sociale con il Fulmine e pantaloncini corti kenyani, manicotti da ciclista perchè mi sono apparsi in sogno la notte e finalmente indosso la mega tuta bianca da RIS che mi dà un senso di protezione.
Nei meandri del tutone imbosco vari gadget quali sacchetti delle immondizie per coprirmi le scarpe una volta entrato in gabbia, una barretta da sgranocchiare prima della partenza, la ginocchiera e il nastro adesivo per il mio ginocchio, il culo di un tubetto di crema riscaldante.
Il cappellino impermeabile e gli occhiali da corsa ce li ho quindi possiamo andare verso la partenza per depositare la sacca.
La strada verso i camion delle sacche è lunga, almeno così sembra a me, e mi inferocisco.....Helga porta pazienza e mi dà ragione come ai matti !
Sacca consegnata, ci ripariamo (perchè ovviamente continua a diluviare) sotto l'ingresso della COOP (o CONAD ?). Ultimissimi preparativi: barretta, sorso d'acqua, Helga che mi spalma la crema sulle gambe, ginocchiera.........sono tranquillo, non ho niente da perdere.
Adesso sono pronto e scatta la foto di rito dove, più che un podista sembro un pagliaccio !



Ed ecco che si intravede la canottiera sociale:





Caccio via Helga, che deve prendere la macchina e andare ad aspettarmi a Treviso. Un bacio e la rivedrò dopo (meno) di 4 ore !
Altro pit-stop e mi incammino verso la gabbia......entro dopo pochi minuti mi sento chiamare ! E' il mio collega di lavoro Eraldo insieme al suo amico Maurizio alle prese con la loro prima Maratona !!!!! Scherziamo un sulla bellissima giornata che ci attende e su chi ce lo ha fatto fare.......
Ma ormai il momento tanto aspettato è giunto. Il tempo di togliermi il tutone dei RIS e ritrovarmi seminudo in mutande e canottiera e PAM ! si parte !
Decidiamo di stare sul ciglio sinistro della strada per evitare di zigzagare troppo.......ci riusciamo benissimo anche se faccio subito notare che siamo partiti un troppo veloci (5'16"). Comunque procediamo tranquillamente cercando pian piano di abituarci alla pioggia incessante. In queste prime fasi è Maurizio che fa l'andatura mentre io e Eraldo ce ne stiamo un coperti a chiacchierare di tattiche e strategia (????).
Ed è così che arriviamo al ristoro dei 5Km che saltiamo a piè pari: con una giornata così non si sente il bisogno di bere......
Le scarpe e i piedi sono già tutti inzuppati d'acqua, però almeno la temperatura non è male....(9,5°C media, umidità 90,5% - percepita 100%).
Comincio ad accusare un fastidio al fianco destro.....strano, che sia la barretta presa alla partenza ? Cerco di non pensarci e corro coperto nel gruppo, dopo un paio di Km sarà tutto a posto.....
Nel frattempo ci agganciamo ai pacer delle 3h e 45'.....e ripeto ai mie due compagni di avventura che stiamo andando troppo veloci. Però.....la tentazione è tanta !
Lentamente ci facciamo sfilare ma per lungo tempo li vedremo non molto distanti. Il ristoro del 10°Km passa via indenne, mentre subito dopo eseguiamo un pit-stop sincronizzato. Stiamo facendo un buon lavoro di squadra. Ripartiamo insieme e comincio, tanto per far passare un il tempo, a dare qualche indicazione sulle maltodestrine..... L'idea è quella di prendere la prima al 19° e al 20° bere, la seconda al 29° e al 30° bere e la terza verso il 34° per bere al 35°.
Il passaggio nel centro di Conegliano è da apoteosi: un sacco di gente che ci applaude nonostante la pioggia, gli alpini, la banda.......In queste occasioni vado fuori di testa e comincio a sprecare un sacco di energie: incito la gente e un alpino ci batte i piatti ! Mi diverto come un pazzo !
Continuo a saltare i ristori, stiamo tutti e 3 bene e scherziamo perchè veniamo superati da tante persone mentre non riusciamo a superare (quasi) nessuno........Ma la rivincita ci sarà più avanti.
Riusciamo a tenere un passo molto regolare forse proprio perché siamo in tre e ci controlliamo a vicenda. Prendo il primo gel al 19° e bevo un goccetto d'acqua al 20°: la sensazione è ottima, mi sento bene e continuo a chiacchierare con i mie compagni che però ora sono più silenziosi. Siamo in attesa del trentesimo chilometro.......
Il passaggio a Ponte della Priula è fantastico: schierati ai bordi del ponte sul Piave, sotto a gazebi improvvisati di cartone e nylon ci sono un sacco di alpini e tanta gente che ci applaude e che ci dice che siamo bravissimi !!!!!! Non posso fare a meno di mettermi anch'io ad applaudire !
Cominciano gli stradoni lunghi nei quali comunque corriamo sempre in mezzo a tanti maratoneti.
Seconda bustina di maltodestrine al 29° Km e poca acqua al 30° Eraldo e Maurizio prendono anche un thè caldo e ne approfitto per un pit-stop. Riprendo a correre ma rallento un per aspettarli. La media è un calata ma comincio a fare i miei conti: ci siamo !
Superiamo l'autobus dei ritirati, tristemente pieno e per il momento ci riteniamo fortunati. A colpi veniamo investiti da folate di trasversali di aria gelida e io, che a questo punto sto facendo l'andatura, mi giro e grido: "A questo punto guai a chi molllaaaaa !"Entrando nel centro di Villorba, si passa sotto un arco gonfiabile e sento lo speaker che dice: "Ed ecco che sta passando con il pettorale 2047 l'atleta Rigon Gianluca !" e mi viene il magone.......
Raggiungiamo il chilometro 34 e via con la terza maltodestrina tranne Maurizio che ne aveva solo 2. Al 35° ristoro, solo poca acqua per me, e rallento per aspettare Maurizio ed Eraldo fermi per un pit-stop. Eraldo mi raggiunge e mi chiede di rallentare un perchè Maurizio è rimasto qualche metro indietro. Provo a diminuire l'andatura ma sento che le gambe si imballano e allora cosa mi rimane da fare se non provare ad accelerare ? Ne ho ancora e me ne vado da solo !
E qui comincio a superare un sacco di gente molto affaticata, ma anche runners che corre.....ma meno di me ! Vado e vado, non guardo più il Garmin ma solo le indicazioni chilometriche dei cartelli stradali...... Raggiungo un runner con le cuffiette e lo aggredisco: ma cosa ascolti ? E lui: "un corso di inglese...." Non posso restare insieme con lui e scappo via......
Ormai ci sono, vedo Treviso. Guardo il tempo e faccio due conti: sotto le 4 ore di sicuro, forse sotto le 3 e 50.....
Si entra in città, dovrei essere quasi al 40° e qui arriva l'emozione più grande della giornata.........
Mi corre incontro la mia più grande tifosa, Helga, che, appostata da 4 ore mi corre incontro e mi incita.......Io non ci capisco più niente, le grido qualcosa, le faccio una carezza.....lei mi chiede se ho sete, no grazie, mi dice che ci vediamo alla consegna delle sacche ma io non capisco niente......ciao Amore ! Riparto, e ho le lacrime agli agli occhi, piango come un deficiente.....




Adesso sono invasato e feroce, voglio superare tutti quelli che mi sono davanti e ce la faccio.....Gli ultimi due chilometri sono pieni di curve, scivolosi e sul pavè ma io corro........e supero tutti ! Mai stato così bene !
Poco prima del 42° un'altra apparizione di Santa Helga, ed è doping !
Il rettilineo finale non me lo ricordo proprio, so solo che arrivo in volata facendo gli ultimi 500 m a 4'22". Alzo le braccia al cielo (almeno mi pare) e grido : Siiiiiiiiiii !
Stavolta non piango ma ho già pianto tanto al 40°............
Il tempo di prendermi un telo per coprirmi e salutare Adriano (Fulmineo nonchè sponsor) che oggi ha sfoderato una prestazione eccezionale ed ecco che arrivano anche Eraldo e Maurizio che si sono ripresi alla grandissima e riescono a stare anche loro sotto le 4 ore !!!!!!!! Qua la mano compagni !
Andiamo a prenderci la meritata medaglia e ce la facciamo mettere al collo.......
Il post gara è abbastanza tormentato in quanto le condizioni meteo sono disastrose. Sotto al gazebo del ristoro piove e dopo un veloce thè caldo con due biscotti ci dirigiamo verso il ritiro delle sacche. Mi corre incontro Helga che mi abbraccia e mi bacia: ha già provveduto lei a ritirare la sacca !!!!! Salutiamo Eraldo e Maurizio e andiamo verso lo spogliatoio, fa freddo e non vedo l'ora di cambiarmi. Ma un momento, mi fa Helga, prima di tutto la foto !




Nello spogliatoio sembra di essere in un lager, il pavimento è allagato e non c'è posto per sedersi ma almeno è caldo. Comunque con qualche difficoltà (continuando a dire a Helga che sto facendo più fatica adesso che non a fare la maratona) riesco a cambiarmi. Andiamo a fare due passi nell'Expo e incontriamo sia il vincitore della Treviso Marathon, Migidio Bourifa sia il grande Giorgio Calcaterra e riesco a scambiare due parole con loro.......







Ce ne andiamo e ci dirigiamo con calma verso la macchina dove Helga si toglie le scarpe e strizza i calzetti gonfi d'acqua: giornatina dura anche per lei oggi ! Per fortuna nella sacca c'era un altro paio di calzetti di ricambio.....
In macchina mi viene da telefonare ad Alvin che mi ha sempre sostenuto.....lo chiamo e riesco a svegliarlo dopo una notte insonne. Accendiamo il riscaldamento al massimo e ci vengono le guance rosse come ad Heidi e Peter.......Cosa dici ci fermiamo a mangiare qualcosa ? Entriamo in un bar anni 70, Helga con le mie vecchie Nimbus 7 numeri più grandi e con la medaglia al collo........un panino con la soppressa e una cioccolata calda. Con panna ? Sì, ce la siamo meritata !



Grazie Helga, non ho parole per ringraziarti ma lo sai che questa medaglia è anche tua !
Grazie a Gian Carlo e alla sua tabella che mi ha messo in riga e che mi ha permesso questa soddisfazione !
E grazie a tutti voi che post dopo post mi consigliate e mi incoraggiate con tanto entusiasmo !

Ciao e alla prossima !

40 commenti:

  1. Gianluca, ho i brividi addosso...minchia che racconto...
    Grande, grande, grandissimo!
    Hai fatto progressi da paura e ne hai ancora parecchi in cascina, sinceramente ammirato.
    E fortunatissimo ad avere una santa al tuo fianco! ;)

    RispondiElimina
  2. @Fat: grazie ! Grazie dei tuoi commenti che puntualmente mi incoraggiano. Ciao !

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    E' quello che dicevo ad Hermann nel finale di gara: "comunque vada siamo stati grandiosi se concludiamo la gara".
    L'hai affrontata nel migliore dei modi non abbattendoti (dal numero di arrivati si è dedotto una congrua percentuale di ritiri) e quanto è vero che nei momenti più importanti pensare alle persone che più ami ti aiuta tantissimo!

    RispondiElimina
  4. a te l'acqua ti fa bene...sei andato benissimo, non è facile correre sotto l'acqua.
    Bravo davvero i miei complimenti !

    RispondiElimina
  5. @Filippo: sono onorato del tuo commento ! Stavo leggendo proprio in questi momenti il racconto della tua Treviso Marathon: sei stato veramente grande ! E poi che bella gara combattuta ! Ciao e in bocca al lupo per le prossime corse !

    RispondiElimina
  6. @Franca: Grazie mille e in bocca al lupo per Padova !

    RispondiElimina
  7. Che dire se non:Bravo e ancora bravo!
    Bel racconto,mi hai emozionato.
    Dopo questa domenica mi sento più vicino a tutti voi del blog...sarà la fatica fatta!
    Trieste te la mangi!

    RispondiElimina
  8. Bravo, anche la foto con il vincitore.
    Devi migliorare ancora un pochino...non è giusto far aspettare tutto quel tempo Santa Helga.

    Ho sforbiciato ancora un minimo la tabella per Padova.

    RispondiElimina
  9. Grande Campione! Complimenti a te al tuo allenatore e a Helga con la foto come quella di Firenze.

    RispondiElimina
  10. Bravo bravo bravo bravo e ancora.... BRAVO!!!!

    Il racconto e' da lacrime (sembrero' deficiente a guardare il monitor con gli occhi lucidi...??? mah... chi se ne frega!), le emozioni e le sensazioni sono importanti e te le sei meritate tutte!

    Qui c'e' cuore, passione, forza e ovviamente tanto allenamento e sacrificio. Cosa serve di piu'?

    Resistere al clima era gia' di per se' un'impresa, figuriamoci correrci "dentro" per MENO di 4 ore!!!!

    Grande anche Helga! Che doping!!!!! Brava anche lei!!!

    Spero di vederti a Trieste e spero che la maratona della mia citta' possa regalarti anche solo la meta' delle emozioni di Treviso: sarebbe gia' tantissimo!

    Grande Gianluca!!!

    RispondiElimina
  11. Grandioso Gianluca...che bello ilt uo racconto e che emozioni! Sono ancora "fresco" di maratona e mi pare di rivivere le emozioni fortissime che hai descritto. Avere accanto chi ti ama è sicuramente una marcia in più. Bravissimo.
    p.s. ma alla fine quanto hai fatto?

    RispondiElimina
  12. GIAN SONO FELICISSIMO PER TE IL TUO RACCONTO MI HA FATTO VENIRE LE LACRIME, UN FANTASTICA ALLA TUA AMATA è VERAMENTE UNA GRANDE.

    RispondiElimina
  13. Bravo Gianluca! Bèlla gara e emozionante resoconto.. e brava anche Helga per il supporto e la spinta psicologica che ti ha dato.
    Continuate così.

    RispondiElimina
  14. Bravo Gianluca! Sono contento per te, ti meritavi sto risultato. Vai alla grande!!
    Gigio

    RispondiElimina
  15. Complimenti per il report, veramente intenso! Peccato non siamo riusciti a farci una foto alla partenza, io ero troppo in ritardo, e quando ti ho chiamato avevi il cell già chiuso. Appuntamento alla prossima gara, vieni anche tu alla 1/2 di Jesolo?

    RispondiElimina
  16. Ciao Gianluca

    leggevo il tuo posto molto bello, mi ha colpito quel 40° km e sai perchè, è stato lo stesso punto dove ho avuto anche io una crisi di pianto liberatorio mentre le gambe giravano a mille.
    Ti faccio i miei complimenti per la tua condotta di gara e cmq tornerò a Treviso anche l'anno prossimo per l'emozione che mi ha regalato! :) ciao

    RispondiElimina
  17. mi stai dando una botta di adrenalina incredibile..domani parto per Parigi pensando al tuo..lungh..maratonesco colpo al muro. sei forte!! vicino a calcaterra pari tu l'ultramaratoneta

    RispondiElimina
  18. bravo per tutto, gara e racconto.... arrivare così lucidi significa ottima preparazione :)

    RispondiElimina
  19. Gianluca, complimenti per Treviso. "Only the Brave" con una giornata così solo arrivare era degno di nota.
    E da quello che ho capito hai fatto anche il personale, accipicchia...

    A proposito quante maltodestrine ti fai in gara, peggio del Bress ...

    ciao

    RispondiElimina
  20. @Gian Carlo: Grazie....come sempre hai ragione, devo migliorare per non fare aspettare così tanto Helga ! Ma la prossima volta mi faccio seguire in bicicletta !

    @Fabio: Grazie ! In tanti momenti a Treviso pensavo a cosa avrei scritto nel Blog !!!!

    @Ezio: Grazie ! La foto è ormai un rito....

    @Marco: ti ringrazio di cuore per tutto quello che mi hai scritto.....

    @Ale: come scritto nel post precedente il real time è stato di 3h52'04" e ti assicuro che le cose più belle sono state l'incontro con Helga al 40° e l'essere arrivato fresco al traguardo per godermela tutta fino in fondo !

    @OSSO: Grazie e grazie anche da Helga !

    @Gigio: grazie mille anche a te ! Tu come stai ? Da qualche commento mi sembra che tu abbia un problema al ginocchio ?

    @Insane: Grazie mille ! Come sta il tuo ginocchio ?

    @Lucamuto: in effetti rientrando ho visto una tua chiamata.....Ehi Uomo complimenti a te per il tuo esordio veramente stratosferico in Maratona !!!!! Io nemmeno in skateboard......

    @Francesco: benvenuto nel mio blog ! Complimenti anche a te per essere tra quelli che a Treviso c'erano !!!!

    @Mathias: vicino a Calcaterra....ahahahah ! Mathias adesso tocca a te......dai una picconata a quelle 4 ore bastarde !

    RispondiElimina
  21. @Yogi: Grazie ! Merito del Mister Gian Carlo !

    @Tosto: Grazie mille ! Maltodestrine ? 3 bustine durante la maratona.....non so se servono ma ormai è un'abitudine e poi....è vero....sono della "scuola Bress" !!!! A presto !

    RispondiElimina
  22. Bel racconto, intenso come la tua gara. Ancora complimenti.

    RispondiElimina
  23. Belle le foto ricordo, bella la tua impresa come pure il racconto che mi ha fatto vivere una giornata che non ho potuto vivere di persona. Hai fatto una buona cosa a non ritirarti: con la maglietta della Fulminea certi gesti non sono consentiti;;;---)))
    E alla fine hai visto che è andata alla grande!!!
    Ora a Trieste ci aspettiamo un'altra impresa!!!
    Immenso

    RispondiElimina
  24. Anche un mio amico ha fatto come te. Voleva ritirarsi al 35, ma l'autobus gli ha detto che partiva tra due ore e lui ha detto "7 km li farò sicuramente in meno di 2 ore" :-)) - Ha chiuso in 4.14 la sua prima ...era tutto contento!

    Per quanto riguarda la tua prestazione io sinceramente non avevo dubbi, ma penso che alla prossima farai ancora meglio!

    Ormai ti dovrai abituare a dei ritmi ben diversi e i miglioramenti saranno costanti.

    Complimenti alla moglie, sei fortunato, tienitela stretta!
    Ciaoooo!

    RispondiElimina
  25. Grazie Andrea, hai ragione con la maglia che avevo non potevo ritirarmi !

    @Lucky: in effetti l'autobus dei ritirati era molto triste......Grazie dei complimenti !

    RispondiElimina
  26. Sono emozionato per il racconto,da lacrima Bravissimo Gianluca

    RispondiElimina
  27. Grande Gian, a Trieste sotto le 3 e 50 e a Novembre c'è una Firenze marathon 2008 da vendicare con qualcosa intorno alle 3:40... se non più giù...

    Bravissimo e i soliti mega complimenti all'insostituibile HELGA!

    RispondiElimina
  28. Grandissimo te lo dico ancora una volta e anche gran bel post letto proprio volentieri.....sei stato molto in gamba a gestirti (non come il sottoscritto a Roma) ora fai il bravo a Trieste......segui i consigli di GIAN CARLO perche' evidentemente ne capisce e ascolta i messaggi che ti arrivano dalle giunture....ma intravedo un altro PB all'orizzonte

    RispondiElimina
  29. Che bello!!!! Post meraviglioso..non ho parole!!!anche il finale mi è piaciuto molto..come lo hai raccontato al 40° che bel momento!!complimenti! ciao

    RispondiElimina
  30. bravissimo,furioso ,tenace,spavaldo preparato ,lucido ,commovente,spettacolare e soprattutto FULMINEO.STUPENDE LE FOTO E DIL RACCONTO CHE MI HA MOLTO EMOZIONATO

    RispondiElimina
  31. Il ricordo di molte gare con il tempo svanisce, solo poche rimangono impresse per sempre nella nostra mente, quelle che "ci danno" qualcosa.
    L'acqua che ti dato Treviso dopo pochi minuti si è asciugata, le emozioni non se andranno mai.

    RispondiElimina
  32. Comincio dalla fine: soppressa e cioccolata ????
    Ma voi fulminei non siete normali....
    Complimenti, l'anno scorso io mi sono emozionato sul ponte, peccato la pioggia: avresti fatto una maratona ancora più veloce.
    Complimenti.
    P.S. se mi inviti a cena rivedi il menù :)

    RispondiElimina
  33. A te i complimenti te gli ho già fatti !
    Adesso tocca a HELGA, MITICA !!!

    RispondiElimina
  34. Complimentissimi Gianluca! Per la gara e anche per l'accattivante racconto. Sei fortunato ad avere Helga al tuo fianco, come si dice, dietro a un campione c'è sempre una gran donna.

    Ciao!

    RispondiElimina
  35. Bravo Gianluca. Bellissimo racconto, sembrava di stare con te e sentire le tue palpitazioni.
    E meritatissima la medaglia per Helga (vedi foto), a nome di tutte le nostre donne che ci sopportano e suppportano alla grande.

    RispondiElimina
  36. Ma quanto sei "cresciuto"? Determinato ,lucido, in formissima nel correre e nello scrivere. Grandissimo!!!

    RispondiElimina
  37. Grandissimo Gian.
    Te lo meriti tutto questo risultato.
    Complimenti.

    RispondiElimina
  38. @Simone e Anita: Grazie di cuore !

    @Alvin: a Trieste (o Padova) ci proverò ma sarà durissima, mi basterebbe arrivare bene come a Treviso......A Firenze anche tu però avrai le tue belle gatte da pelare !

    @Dante: Grazie ! Come già scritto, Gian Carlo mi ha fatto la mia prima vera tabella e i risultati si sono visti !

    @Davide: Grazie e ti assicuro che quello che ho provato è stato ancora meglio !

    @Bress: soprattutto FULMINEO nello spirito ! Grazie President !

    @Giovanni: vero, emozioni che rimarranno per sempre. Questo è quello che rimane della Maratona....Grazie !

    @Michele: soppressa e cioccolata sono stati il degno coronamento di una giornata pazzesca ! Anzi FULMINEA, che è quasi un sinonimo !!!!

    @Diego: Helga ringrazia !

    @Franchino: grazie di tutto ! E' vero sono fortunato....

    @Francorre: Grazie e grazie a tutte le nostre donne, sante subito !

    @Daniele: Troppo buono !!!! Comunque accetto i complimenti !!!!

    @Drugo: Grazie ! Ma dove sei finito ? Facci avere tue notizie !!!!

    RispondiElimina
  39. La ringrazio per Blog intiresny

    RispondiElimina

Mi interessa sapere come la pensi e se non ti viene in mente niente lasciami anche solo un saluto che sarà graditissimo. Se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio!

L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e che eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001